Discussioni sul sistema operativo Linux
 

Dischi by-uuid

gandalf.corvotempesta@gmail.com 9 Set 2015 09:48
Ciao,
non mi è chiara una cosa: per quale motivo si è passati dall'uso dei dischi
mediante "path" canonico /dev/mapper/vgX..... all'utilizzo di UUID? Quali sono i
vantaggi? (ad oggi io ho avuto solo problemi)

Più volte mi è capitato che un server non ripartisse perchè in fase di boot
l'UUID non venisse riconosciuto e di conseguenza l'init non riuscisse a trovare
la partizione di root.

Cambiando il path da /dev/disk/by-uuid/... a suo reale /dev/mapper/vg0_lv
******* tutto si è risolto.

Ora:
1. gli UUID, cambiano ? Se si, con quali modalità e perchè?
2. c'è bisogno di qualche modulo o configurazione particolare dentro l'initrd?
3. il server in questione è un domU, attivo da anni. Al reboot è morto.
Montando i dischi da dentro il dom0 e facendo un "blkid" riesco a vedere
correttamente l'uuid delle partizioni, così come indicato nel grub.cnf del
domU, ma il domU non è dello stesso parere, non le rileva.

Mi viene quindi da pensare che in fase di boot, a livello di initrd, gli UUID
siano differenti e/o non accessibili. Ma questo non spiega come mai un server
attivo da anni, di punto in bianco, al riavvio, ha perso la mappatura degli UUID

Qualche idea?
enoquick 9 Set 2015 14:55
Il 09/09/2015 02:48, gandalf.corvotempesta@gmail.com ha scritto:
> Ciao,
> non mi è chiara una cosa: per quale motivo si è passati dall'uso dei dischi
mediante "path" canonico /dev/mapper/vgX..... all'utilizzo di UUID? Quali sono i
vantaggi? (ad oggi io ho avuto solo problemi)
>


Se l' hanno fatto un motivo esiste:
indipendenza dalla posizione
Comunque quel path ha a che fare con le partizioni non con i dischi


> Più volte mi è capitato che un server non ripartisse perchè in fase di boot
l'UUID non venisse riconosciuto e di conseguenza l'init non riuscisse a trovare
la partizione di root.
>
> Cambiando il path da /dev/disk/by-uuid/... a suo reale /dev/mapper/vg0_lv
******* tutto si è risolto.
>
> Ora:
> 1. gli UUID, cambiano ? Se si, con quali modalità e perchè?

Solo se si formatta la relativa partizione o guasto dell' HD (lettura
fallace del settore che contiene l' UUID)


> 2. c'è bisogno di qualche modulo o configurazione particolare dentro
l'initrd?

No,è il comando mount che riconosce l' UUID
Ma nel tuo caso visto che usi lvm occorrono i moduli per gestirlo.

> 3. il server in questione è un domU, attivo da anni. Al reboot è morto.
Montando i dischi da dentro il dom0 e facendo un "blkid" riesco a vedere
correttamente l'uuid delle partizioni, così come indicato nel grub.cnf del
domU, ma il domU non è dello stesso parere, non le rileva.
>
> Mi viene quindi da pensare che in fase di boot, a livello di initrd, gli UUID
siano differenti e/o non accessibili. Ma questo non spiega come mai un server
attivo da anni, di punto in bianco, al riavvio, ha perso la mappatura degli UUID
>
> Qualche idea?
>

L'unica spiegazione che mi viene in mente è che il disco non venga
trovato al boot
E non è certamente il modulo lvm mancante visto che un mount
tradizionale funziona.
Per il resto non ho idea.
gandalf.corvotempesta@gmail.com 9 Set 2015 17:58
Il giorno mercoledì 9 settembre 2015 14:55:40 UTC+2, enoquick ha scritto:
> Se l' hanno fatto un motivo esiste:
> indipendenza dalla posizione

Ok, questo lo immaginavo.

> Comunque quel path ha a che fare con le partizioni non con i dischi

Si, errore mio, intendevo le partizioni.

> Solo se si formatta la relativa partizione o guasto dell' HD (lettura
> fallace del settore che contiene l' UUID)

Non ho formattato, la macchina è tutt'ora online con tutti i dati e non ci sono
problemi a livello di settori.

> No,è il comando mount che riconosce l' UUID
> Ma nel tuo caso visto che usi lvm occorrono i moduli per gestirlo.

I moduli LVM? ci sono, altrimenti non farebbe il boot nemmeno referenziandolo
per path

> L'unica spiegazione che mi viene in mente è che il disco non venga
> trovato al boot
> E non è certamente il modulo lvm mancante visto che un mount
> tradizionale funziona.
> Per il resto non ho idea.

Ma il disco lo trova, altrimenti non funzionerebbe nemmeno il mount
tradizionale. Come potrebbe fare il mount di una partizione referenziata per
path senza trovarne il disco?

Non è la prima volta che mi capita, tra l'altro.
enoquick 9 Set 2015 19:25
Il 09/09/2015 10:58, gandalf.corvotempesta@gmail.com ha scritto:
> Il giorno mercoledì 9 settembre 2015 14:55:40 UTC+2, enoquick ha scritto:
>> Se l' hanno fatto un motivo esiste:
>> indipendenza dalla posizione
>
> Ok, questo lo immaginavo.
>
>> Comunque quel path ha a che fare con le partizioni non con i dischi
>
> Si, errore mio, intendevo le partizioni.
>
>> Solo se si formatta la relativa partizione o guasto dell' HD (lettura
>> fallace del settore che contiene l' UUID)
>
> Non ho formattato, la macchina è tutt'ora online con tutti i dati e non ci
sono problemi a livello di settori.
>
>> No,è il comando mount che riconosce l' UUID
>> Ma nel tuo caso visto che usi lvm occorrono i moduli per gestirlo.
>
> I moduli LVM? ci sono, altrimenti non farebbe il boot nemmeno referenziandolo
per path
>
>> L'unica spiegazione che mi viene in mente è che il disco non venga
>> trovato al boot
>> E non è certamente il modulo lvm mancante visto che un mount
>> tradizionale funziona.
>> Per il resto non ho idea.
>
> Ma il disco lo trova, altrimenti non funzionerebbe nemmeno il mount
tradizionale. Come potrebbe fare il mount di una partizione referenziata per
path senza trovarne il disco?
>
> Non è la prima volta che mi capita, tra l'altro.
>

Lo so, cercando un po qua e la con google questi problemi tra lvm e boot
lo hanno avuto un po di persone
Ma una soluzione non l' ho trovata
Una soluzione per tappare potrebbe essere quella di non mettere la
partizione di boot e di root sotto lvm; tanto lvm non serve piu di tanto
per quelle partizioni
gandalf.corvotempesta@gmail.com 9 Set 2015 22:13
Il giorno mercoledì 9 settembre 2015 19:25:32 UTC+2, enoquick ha scritto:
> Lo so, cercando un po qua e la con google questi problemi tra lvm e boot
> lo hanno avuto un po di persone
> Ma una soluzione non l' ho trovata
> Una soluzione per tappare potrebbe essere quella di non mettere la
> partizione di boot e di root sotto lvm; tanto lvm non serve piu di tanto
> per quelle partizioni


Lo so, ma ho centinaia (non 3) di server con la root sotto LVM ed essere
svegliati in piena notte perchè un server non fa più il boot dopo essersi
autoriavviato (ho uno script che riavvia in caso di problemi che porterebbero
comunque al blocco) fa in*****are non poco, sopratutto se non si riavvia per un
problema certamente non mio.

Non ho modificato grub, non ho variato dischi, i dischi vanno, gli UUID sono
sempre quelli (il dom0 li vede e monta correttamente) ma il domU non boota.

Ti assicuro che l'in*****atura sale alle stelle, sopratutto se capita alle 3 di
notte e ti fa lavorare fino alle 6.

Poi, quando capisci che la soluzione era cambiare da UUID a path e che avrebbe
richiesto, esagerando, 15 secondi, ti in*****i al quadrato.
enoquick 9 Set 2015 23:34
Il 09/09/2015 15:13, gandalf.corvotempesta@gmail.com ha scritto:
> Il giorno mercoledì 9 settembre 2015 19:25:32 UTC+2, enoquick ha scritto:
>> Lo so, cercando un po qua e la con google questi problemi tra lvm e boot
>> lo hanno avuto un po di persone
>> Ma una soluzione non l' ho trovata
>> Una soluzione per tappare potrebbe essere quella di non mettere la
>> partizione di boot e di root sotto lvm; tanto lvm non serve piu di tanto
>> per quelle partizioni
>
>
> Lo so, ma ho centinaia (non 3) di server con la root sotto LVM ed essere
svegliati in piena notte perchè un server non fa più il boot dopo essersi
autoriavviato (ho uno script che riavvia in caso di problemi che porterebbero
comunque al blocco) fa in*****are non poco, sopratutto se non si riavvia per un
problema certamente non mio.
>
> Non ho modificato grub, non ho variato dischi, i dischi vanno, gli UUID sono
sempre quelli (il dom0 li vede e monta correttamente) ma il domU non boota.
>
> Ti assicuro che l'in*****atura sale alle stelle, sopratutto se capita alle 3
di notte e ti fa lavorare fino alle 6.
>
> Poi, quando capisci che la soluzione era cambiare da UUID a path e che avrebbe
richiesto, esagerando, 15 secondi, ti in*****i al quadrato.
>

Ti capisco,anche se per lavoro non faccio il sistemista
Sempre googlando qui e la avevo trovato che persone che avevano avuto il
tuo stesso problema l'avevano risolto proprio come hai fatto tu,mettendo
il path
Evidentemente deve esistere da qualche parte un bug tra UUID e lvm al boot
Difficile dire dove comunque.
Magari a poco a poco,nei momenti di calma inizi a sostituire in dove
serve il boot da UUID a path
gandalf.corvotempesta@gmail.com 10 Set 2015 09:19
Il giorno mercoledì 9 settembre 2015 23:34:34 UTC+2, enoquick ha scritto:
> Magari a poco a poco,nei momenti di calma inizi a sostituire in dove
> serve il boot da UUID a path

Si, ma non è una soluzione. O meglio, è una soluzione per un problema ignoto.
Mi piacerebbe capire, prima di intraprendere drastiche decisioni, quale sia il
problema che lo causa, magari c'è una soluzione differente e migliore.

Come dire: non ti funziona la macchina, la cambi invece di risolvere il
problema.
Non funziona proprio così............
enoquick 10 Set 2015 14:48
Il 10/09/2015 02:19, gandalf.corvotempesta@gmail.com ha scritto:
> Il giorno mercoledì 9 settembre 2015 23:34:34 UTC+2, enoquick ha scritto:
>> Magari a poco a poco,nei momenti di calma inizi a sostituire in dove
>> serve il boot da UUID a path
>
> Si, ma non è una soluzione. O meglio, è una soluzione per un problema
ignoto.
> Mi piacerebbe capire, prima di intraprendere drastiche decisioni, quale sia il
problema che lo causa, magari c'è una soluzione differente e migliore.
>
> Come dire: non ti funziona la macchina, la cambi invece di risolvere il
problema.
> Non funziona proprio così............
>
Sono d'accordo con te ma soluzioni non ne ho trovate
Prova tu a fare ricerche con google magari trovi qualcosa
Io avevo provato con le parole UUID lvm boot
Max_Adamo 11 Set 2015 22:04
Il Wed, 09 Sep 2015 13:13:02 -0700, gandalf.corvotempesta ha scritto:

> ho uno script che riavvia in caso di problemi che porterebbero comunque
> al blocco

ti è mai capitato di usare "monit"?
E' una strana fattispecie di sistema di monitoring che tenta una azione in
seguito ad un alert. L'azione può essere un restart, che tenti per un
numero di volte che tu stabilisci e ad un intervallo che stabilisci.
Se non ricordo male, superato il limite puoi innescare un altro trigger:
ad esempio il riavvio del server.

In alternativa puoi piallare LVM dalla partizione root :) Ovviamente
dipende dal tuo uso specifico. Amazon (*), ad esempio, lo ha considerato
una tecnologia vetusta e non idonea per essere usata con autoscale e le
altre "tecnologie" che utilizzano e lo ha rimosso del tutto dalle
immagini: se non ricordo male usano XFS direttamente sulle partizioni del
disco.

(*) a me amazon non piace per nulla. Era tanto per portare un esempio.

--
Massimiliano Adamo
gandalf.corvotempesta@gmail.com 12 Set 2015 12:14
Il giorno venerdì 11 settembre 2015 22:06:43 UTC+2, Max_Adamo ha scritto:
> ti è mai capitato di usare "monit"?

si perchè ?

il nesso tra monit ed il non riconoscimento degli UUID in initrd ? (uuid che poi
vengono riconosciuti a sistema avviato o esternamente al server)
Max_Adamo 12 Set 2015 15:16
Il Sat, 12 Sep 2015 03:14:39 -0700, gandalf.corvotempesta ha scritto:

> Il giorno venerdì 11 settembre 2015 22:06:43 UTC+2, Max_Adamo ha
> scritto:
>> ti è mai capitato di usare "monit"?
>
> si perchè ?
>
> il nesso tra monit ed il non riconoscimento degli UUID in initrd ?


Nessuno ovviamente. Spero tu abbia notato il mio quoting :)
era un modo per dire: sicuro che sia necessario riavviare i server?

--
Massimiliano Adamo
Max_Adamo 12 Set 2015 15:18
Il Sat, 12 Sep 2015 13:16:45 +0000, Max_Adamo ha scritto:

> Il Sat, 12 Sep 2015 03:14:39 -0700, gandalf.corvotempesta ha scritto:
>
>> Il giorno venerdì 11 settembre 2015 22:06:43 UTC+2, Max_Adamo ha
>> scritto:
>>> ti è mai capitato di usare "monit"?
>>
>> si perchè ?
>>
>> il nesso tra monit ed il non riconoscimento degli UUID in initrd ?
>
>
> Nessuno ovviamente. Spero tu abbia notato il mio quoting :)
> era un modo per dire: sicuro che sia necessario riavviare i server?

poi - per carità non voglio insistere - può darsi che nel tuo caso è
conveniente farlo.

--
Massimiliano Adamo
gandalf.corvotempesta@gmail.com 12 Set 2015 18:05
Il giorno sabato 12 settembre 2015 15:18:39 UTC+2, Max_Adamo ha scritto:
> Nessuno ovviamente. Spero tu abbia notato il mio quoting :)
> era un modo per dire: sicuro che sia necessario riavviare i server?

Si, lo è. A nessuno piace riavviare il server alla ******* di cane.
Enrico Bianchi 14 Set 2015 22:28
On Wed, 09 Sep 2015 13:13:02 -0700, gandalf.corvotempesta wrote:

> Lo so, ma ho centinaia (non 3) di server con la root sotto LVM

Aspetta, hai / e /boot sotto LVM? Perche` questo e` quello che si dice
"andarsi a cercare problemi"...

Enrico
Enrico Bianchi 14 Set 2015 22:28
On Wed, 09 Sep 2015 00:48:07 -0700, gandalf.corvotempesta wrote:

> 1. gli UUID, cambiano ? Se si, con quali modalità e perchè?

No. A meno che tu non formatti

> 2. c'è bisogno di qualche modulo o configurazione particolare dentro
> l'initrd?

Che io sappia no, ma visto che si sta parlando di Xen, tutto e`
possibile...

> grub.cnf

Curioso, presumo che si tratti del famoso bootloader con sintassi sql
chiamato MyGRUB ;)

Enrico
gandalf.corvotempesta@gmail.com 15 Set 2015 22:42
Il giorno lunedì 14 settembre 2015 22:28:19 UTC+2, Enrico Bianchi ha scritto:
> Aspetta, hai / e /boot sotto LVM? Perche` questo e` quello che si dice
> "andarsi a cercare problemi"...

Solo la / è sotto LVM. La /boot è una partizione primaria
gandalf.corvotempesta@gmail.com 15 Set 2015 22:44
Il giorno lunedì 14 settembre 2015 22:28:22 UTC+2, Enrico Bianchi ha scritto:
> Che io sappia no, ma visto che si sta parlando di Xen, tutto e`
> possibile...

Beh, aspetta, uso tutto vanilla, non strane cose esoteriche di Xen.


>> grub.cnf
>
> Curioso, presumo che si tratti del famoso bootloader con sintassi sql
> chiamato MyGRUB ;)

No, non mi pare abbia sintassi sql, ne che sia MyGRUB
Leonardo Serni 15 Set 2015 23:12
On Mon, 14 Sep 2015 20:28:22 +0000 (UTC), Enrico Bianchi
<enrico.bianchi@ymail.com> wrote:

>> grub.cnf

>Curioso, presumo che si tratti del famoso bootloader con sintassi sql
>chiamato MyGRUB ;)

SELECT partition FROM devices WHERE bootFlag = 'Y';

...e se per sbaglio formatti il disco, puoi fare un rollback! :-D

Leonardo

--

Now suppose -just suppose- I could show you a way to
manufacture a wall that would do the same ******* .. but
was only one inch thick.
Max_Adamo 15 Set 2015 23:46
Il Tue, 15 Sep 2015 13:42:52 -0700, gandalf.corvotempesta ha scritto:

> Il giorno lunedì 14 settembre 2015 22:28:19 UTC+2, Enrico Bianchi ha
> scritto:
>> Aspetta, hai / e /boot sotto LVM? Perche` questo e` quello che si dice
>> "andarsi a cercare problemi"...
>
> Solo la / è sotto LVM. La /boot è una partizione primaria

anche da noi abbiamo la / sotto LVM, con cloudstack (con kvm), openstack
(con kvm), Citrix (con xen) e macchine fisiche, e abbiamo migliaia di
server (10mila?), ma non è mai capitata una cosa del genere.
Per cui... non pensare che tu hai fatto tutto bene e che qualcosa è andato
per il verso sbagliato per colpa del fato avverso o perché qualcuno ha
inventato qualcosa (gli uuid) che non funziona.

E IMHO, non si può fare troubleshooting così. E' più probabile che trovi
tu stesso la soluzione, perché tu hai le mani sul pezzo, tu sai quel che
hai fatto. A noi non ci hai detto nemmeno che distro usi. Usi Xen degli
smanettoni, o usi Xen attraverso piattaforme di cloud computing (openstack/
cloudstack sono compatibili con xen)? Altri dettagli? Altre info utili?

--
Massimiliano Adamo
gandalf.corvotempesta@gmail.com 16 Set 2015 09:09
Il giorno martedì 15 settembre 2015 23:48:52 UTC+2, Max_Adamo ha scritto:
> anche da noi abbiamo la / sotto LVM, con cloudstack (con kvm), openstack
> (con kvm), Citrix (con xen) e macchine fisiche, e abbiamo migliaia di
> server (10mila?), ma non è mai capitata una cosa del genere.
> Per cui... non pensare che tu hai fatto tutto bene e che qualcosa è andato
> per il verso sbagliato per colpa del fato avverso o perché qualcuno ha
> inventato qualcosa (gli uuid) che non funziona.

Io però non ho fatto nulla, era piena notte, dormivo beatamente.
L'unica cosa successa è un semplicissimo reboot del server, in automatico,
grazie ad un mio script. (e nel mio caso, è GIUSTO che il server si sia
riavviato, il reboot non è una anomalia causata da altri fattori)

> A noi non ci hai detto nemmeno che distro usi. Usi Xen degli
> smanettoni, o usi Xen attraverso piattaforme di cloud computing (openstack/
> cloudstack sono compatibili con xen)? Altri dettagli? Altre info utili?

Uso XenServer
Andrea D'Amore 16 Set 2015 22:29
On 2015-09-15 20:44:09 +0000, gandalf.corvotempesta@gmail.com said:
>>> grub.cnf
>> Curioso, presumo che si tratti del famoso bootloader con sintassi sql>
>> chiamato MyGRUB ;)
> No, non mi pare abbia sintassi sql, ne che sia MyGRUB

Secondo me era una semplice battuta.

E comunque ora si chiama MariaGRUB.

--
Andrea
Max_Adamo 16 Set 2015 22:44
Il Wed, 16 Sep 2015 22:29:16 +0200, Andrea D'Amore ha scritto:

> On 2015-09-15 20:44:09 +0000, gandalf.corvotempesta@gmail.com said:
>>>> grub.cnf
>>> Curioso, presumo che si tratti del famoso bootloader con sintassi sql>
>>> chiamato MyGRUB ;)
>> No, non mi pare abbia sintassi sql, ne che sia MyGRUB
>
> Secondo me era una semplice battuta.
>
> E comunque ora si chiama MariaGRUB.

in effetti Enrico ha fatto un battutone che è rimasto inizialmente
incompreso :)
Il ******* di configurazione si chiama grub.cfg e non grub.cnf

--
Massimiliano Adamo
gandalf.corvotempesta@gmail.com 17 Set 2015 09:19
Il giorno mercoledì 16 settembre 2015 22:46:26 UTC+2, Max_Adamo ha scritto:
> in effetti Enrico ha fatto un battutone che è rimasto inizialmente
> incompreso :)

Io non l'ho proprio capita.
Più che battuta, dato che non ne ho capito il nesso o il significato, a me
sembrava una *****ata (che va bene eh) ma è diverso da una battuta.

Quale dovrebbe essere in nesso tra Grub e SQL ? Nelle battute c'è un fondo di
verità o comunque sia qualche riferimento ad un dato reale, qui non lo vedo.
Andrea D'Amore 17 Set 2015 11:47
On 2015-09-17 07:19:22 +0000, gandalf.corvotempesta@gmail.com said:

> dato che non ne ho capito il nesso o il significato

Il nesso è stato l'aver indicato il ******* di configurazione di grub come
"grub.cnf" che richiama "my.cnf".

> Quale dovrebbe essere in nesso tra Grub e SQL ?

Nessuno, è questo che dà (o dovrebbe dare) lo spunto comico.

--
Andrea
gandalf.corvotempesta@gmail.com 17 Set 2015 13:47
Il giorno giovedì 17 settembre 2015 11:47:12 UTC+2, Andrea D'Amore ha scritto:
> Il nesso è stato l'aver indicato il ******* di configurazione di grub come
> "grub.cnf" che richiama "my.cnf".

Ah, ok.
Avete l'occhio lungo eh................. Io nemmeno me ne ero accorto.
gandalf.corvotempesta@gmail.com 21 Ott 2015 11:55
Il giorno lunedì 14 settembre 2015 22:28:22 UTC+2, Enrico Bianchi ha scritto:
> On Wed, 09 Sep 2015 00:48:07 -0700, gandalf.corvotempesta wrote:
>
>> 1. gli UUID, cambiano ? Se si, con quali modalità e perchè?
>
> No. A meno che tu non formatti
>
>> 2. c'è bisogno di qualche modulo o configurazione particolare dentro
>> l'initrd?
>
> Che io sappia no, ma visto che si sta parlando di Xen, tutto e`
> possibile...

E capitato di nuovo. Riavvio e ******* initrd incastrato perchè non trova lo
UUID di root. Cambio configurazione di grub puntando al path fisico e tutto si
risolve.

Sta storia degli UUID comincia a farmi girare i maroni...

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Discussioni sul sistema operativo Linux | Tutti i gruppi | it.comp.os.linux.sys | Notizie e discussioni linux | Linux Mobile | Servizio di consultazione news.